You are currently browsing the tag archive for the ‘fan fiction’ tag.

Riporto per intero un articolo che Erika, la webministress di EFP ha pubblicato su Facebook.
Non solo sposo l’appello, ma trovo la discussione un interessante sviluppo delle problematiche che ho analizzato nella tesi.

Rischi concreti di problemi e censura, anche per i siti di fanfiction, per delibera AGCOM di prossima approvazione

pubblicata da EFP :: il tuo sito di fanfiction! (ufficiale) il giorno lunedì 27 giugno 2011 alle ore 16.32

Premessa: la fanfiction esiste in violazione del diritto d’autore e di copyright dei legittimi detentori di questi diritti, coloro che creano gli anime, manga, film, libri, videogiochi e quant’altro su cui scrivete fanfiction.

Il problema in sintesi: il 6 Luglio si delibererà sulla protezione del diritto d’autore. Il diritto d’autore in Italia si viene a creare nello stesso momento in cui si crea un’opera, senza firme o depositi di bollini. Chiunque ritenga violato un proprio diritto d’autore potrà rivolgersi all’AGCOM, l’Autorità Garante per le Comunicazioni, che a sua discrezione – senza l’intervento di un tribunale – potrà ordinare la rimozione del contenuto in violazione dei diritti, pena sanzioni di legge.

I punti salienti e importanti sono due:

– la mancanza di un tribunale nel processo che porta alla rimozione dei contenuti. Per contestare un eventuale provvedimento dell’AGCOM ci si potrà sempre rivolgere all’autorità giudiziaria. Coi tempi e i costi della giustizia italiana.

– la delibera parla in generale di diritti d’autore. Potete leggere su Wikipedia l’estensione di ciò che è coperto da diritto d’autore in Italia (http://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_d%27autore_italiano#I_diritti_dell.27autore).

EFP prevede già nel suo disclaimer questo: “I detentori dei diritti di copyright sfruttati nelle fan fiction possono richiedere l’immediata cessazione dell’utilizzo del loro materiale, con una segnalazione adeguatamente supportata da inoltrare ad EFP.”

E’ giusto così: tutti coloro che si sono espressi contro la stesura di fanfiction sulle loro opere sono presenti in una lista del regolamento del sito. Se un autore di libri o di qualsiasi altra opera non vuole che si scrivano fanfiction sulla sua opera, lo si deve rispettare. Sarebbe contro la legge e i principi di correttezza non farlo.

Ma chi sono i potenziali ‘detentori di diritti d’autore’? L’intero pianeta del web, non solo i detentori dei diritti di copyright.

Ci si potrebbe rivolgere all’AGCOM persino per plagio, per fare un unico esempio estremo.

Il problema è che la delibera è così vaga – parlando in generale di diritto d’autore – che non esclude la fattispecie; quando una disposizione non esclude qualcosa, di fatto la permette.

Queste sono considerazioni che sto traendo dopo aver letto personalmente la delibera, che trovate a questo indirizzo: http://www.agcom.it/default.aspx?message=visualizzadocument&DocID=5415. Il paragrafo d’interesse è il 3.5 (provvedimenti a tutela del diritto d’autore).

Questa situazione tuttavia è ripresa in questi giorni da numerosi articoli di blog e giornali, tra cui questo articolo de ‘La Stampa’ che è più chiaro sul processo che intende mettere in atto la delibera dell’AGCOM.

“In sintesi, secondo la delibera Agcom se il titolare dei diritti di un contenuto audiovisivo dovesse riscontrare una violazione di copyright su un qualunque sito (senza distinzione tra portali, banche dati, siti privati, blog, a scopo di lucro o meno) può chiederne la rimozione al gestore. Che, «se la richiesta apparisse fondata», avrebbe 48 ore di tempo dalla ricezione per adempiere. Cinque giorni per il contraddittorio. Se ciò non dovesse avvenire, il richiedente potrebbe, secondo la delibera ancora in bozza, rivolgersi all’Authority che «effettuerebbe una breve verifica in contraddittorio con le parti da concludere entro cinque giorni», comunicandone l’avvio al gestore del sito o del servizio di hosting. E in caso di esito negativo, l’Agcom potrebbe disporre la rimozione dei contenuti. Per i siti esteri, «in casi estremi e previo contraddittorio», è prevista «l’inibizione del nome del sito web», prosegue l’allegato B della delibera, «analogamente a quanto già avviene per i casi di offerta, attraverso la rete telematica, di giochi, lotterie, scommesse o concorsi in assenza di autorizzazione, o ancora per i casi di pedopornografia».”

L’articolo parla di contenuti audiovisivi, poiché la delibera è pensata per colpire soprattutto video e file musicali. Di fatto tuttavia è chiara nel parlare solo di ‘diritti d’autore’ generici in molti punti, tra cui quello intitolato ‘adozione del provvedimento di ordine alla rimozione’ e nello stesso titolo del paragrafo della delibera: ‘Provvedimenti a tutela del diritto d’autore.’

L’AGCOM ha poteri enormi. La delibera parla di momenti di verifica in contradditorio con le parti in relazione alla violazione segnalata, ma la decisione finale è sempre dell’AGCOM (secondo una disposizione che si direbbe ispirata a quanto succede negli Stati Uniti, dove però – a leggere la stessa delibera – in casi di contenzioso interviene un giudice).

L’AGCOM può scavalcare un webmaster e dare ordini di rimozione direttamente a chi offre il servizio (piattaforma di blog per esempio o provider come Aruba). Ha anche il potere – nel caso il server del sito web si trovi all’estero – di bloccarne la visione in toto. Sono provvedimenti che vengono indicati nella delibera, per quanto in casi estremi, previo contradditorio e quindi dopo aver tentato un primo contatto con il webmaster.

Cosa sia estremo e in quale momento si esaurisca la necessità di contradditorio sono cose che l’AGCOM si sta riservando di scegliere da sola con questa delibera.

La strada per l’inferno è costellata di buone intenzioni.”

Permettetemi questo detto per chiarire che questa mia non è in alcun modo una presa di posizione politica che vede il ‘male’ nei principi che ispirano il provvedimento. Non sono contraria all’AGCOM in quanto ente e comprendo che ci sia una necessità di regolamentare il panorama internet italiano, dove vi sono casi di violazione di diritto d’autore e copyright che portano a ingiustizie che ad ora trovano una soluzione lenta e difficile.

Il web italiano è un Far West non regolamentato, lo dicono in molti. Questa tuttavia è una delibera – delibera, neppure una legge del parlamento – che sembra dimostrare di conoscere poco il web e tutte le insidie che la stessa delibera andrebbe a creare. Nel migliore dei casi, pur con l’AGCOM intenzionata a non agire in maniera punitiva, la mole di lavoro a cui sarebbe sottoposta potrebbe portarla a decidere in maniera poco accurata in molti casi, avendo essa promesso tempi rapidi per la risoluzione degli stessi.

Per concludere e in estrema sintesi, mi sembra che in tema di diritto d’autore l’AGCOM si stia dando il potere di diventare webmaster della rete italiana, che sia questa la sua intenzione o meno.

Vi invito quindi a firmare le petizioni che chiedono che la delibera sia rinviata e adeguatamente rivista.

http://sitononraggiungibile.e-policy.it/

Agcom: non censurare internet!

Vi invito inoltre a condividere il link sopracitato su Facebook il più possibile.

Riporto sotto una serie di link sull’argomento che potrebbero aiutarvi ad informarvi ulteriormente, anche in contradditorio.

Se avete altri link da segnalarmi, fatelo nei commenti.

Grazie infinite dell’attenzione prestatami per questo lungo articolo.

Erika, webmistress di EFP

Per chi non lo sapesse, sono alle prese con la tesi e la mia tesi è sulla fan fiction.
Quelli di voi che mi conoscono e sanno della mia (ormai un po’ affievolita) passione per i manga ed il fantasy penseranno che sia stata un’idea mia.
E invece no. Vado a proporre al prof. una tesi sull’ebook, giusto perché mi sembrava che l’argomento lo interessasse particolarmente (ed io volevo tanto fare una tesi con lui) e mi ritrovo con questa… che implica di parlare di Harry Potter, Twilight e altre mie passioni che avevo sempre considerato assai poco accademiche.

Da dove cominciare? Ok. Sapevo cos’erano le fan fictions (i racconti scritti dai fan a usando personaggi e ambientazioni di storie famose)… ne avevo anche scritta una… senza mai condividerla online però*. Ero del tutto estranea al magico mondo delle community. Non avevo idea di cosa fosse un fandom e conoscevo assai pochi dei termini che trovate qua di seguito (trovate anche fandom ;)).

[*adesso l’ho pubblicata, per provare, su EPF 🙂 ganzo ganzo ganzo :)]

Il linguaggio è stato un primo, grandissimo, scoglio. Molti termini sono acronimi o storpiature dall’inglese, lingua con la quale ho assai scarza dimestichezza -__-
Inoltre non esiste un vocabolario universalmente accettato o categorizzazioni precise.
La voce di wikipedia in italiano mi è risultata subito un po’ confusa, quella inglese meno, ma vai poi a capire se quei termini lì hanno o non hanno una corrispondenza in italiano!

Leggi che ti leggi (articoli online e libri sia in italiano che arg! inglese) quel che segue è il risultato.

Se qualche viandante della rete esperto in fandomerie (e questo termine me l’invento io, tanto per incasinare ulteriormente… >.<!), capitato qui per caso, volesse darmi un pare, un consiglio o una correzione sarà tutto molto gradito!

Glossario ragionato

La community tendono a sviluppare un proprio linguaggio specifico. Le community relative alle fan fiction non fanno eccezione. I termini “tecnici” sono moltissimi e possono variare a seconda dell’ambiente in cui ci si trova.

Ho voluto dividere questo glossario per categorie, ma non è un’impresa semplice perché ogni archivio ha le proprie.

Dovendo fare una scelta, sono partita da quelle di EFP, il più grande sito italiano, integrando poi con le definizioni di Fan World e FanFiction.Net (il maggior archivio in lingua inglese), spesso presi a modello da archivi minori italiani.

Molti termini sono in lingua inglese, ma ho selezionato solo quelli che ho riscontrato essere entrati nell’uso delle community italiane.

Le altre principali fonti con cui mi sono confrontata sono le voci italiana e inglese per “fan fiction” in wikipedia, la wiki tematica Fanlore (http://fanlore.org) e l’introduzione a Hellekson, Karen, e Kristina Busse. Fan fiction and fan communities in the age of the Internet : new essays. Jefferson N.C.: McFarland & Co., 2006.

Termini relativi al mondo della fan fiction (che al momento non so come catalogare). In questo caso i termini si trovano più che altro nella saggistica…
Aca fan (purale aca fen) = È un accademico/universitario che si identifica come fan.
Archivi o librerie online = Sono spazi online dove si raccolgono le fan fiction di vari autori. Solitamente sono aperti ai contributi di chiunque anche se talvolta vengono moderati riguardo a contenuti e qualità. Molti archivi di fan fiction sono dedicati ad un fandom (vedi) specifico, o ad un genere o ad un paring (vedi) specifico, ma alcuni sono aperti a qualsiasi fandom.
Canon = Identifica la fonte o le fonti considerate autorevoli dalla comunità di fan. In altre parole, è canon ciò che i fan concordano essere “veramente successo” in un film, in uno show televisivo, in un romanzo etc.
Disclaimer = Sono le avvertenze legali, le condizioni d’uso. Nel caso delle fan fiction l’autore generalmente afferma di non trarre in alcun modo profitto dalla storia e che ogni diritto suoi personaggi appartiene al loro creatore originario.
Fandom = Comunità di persone che amano una certa storia, personaggio, gioco etc. e interagiscono attivamente gli uni con gli altri (spesso a distanza, tramite la Rete). Il termine deriva da “fan” (da fanatic, appassionato) più il suffisso “dom”, che in inglese si unisce alle parole per indicare un ruolo, una giurisdizione. Potrebbe essere tradotto come “mondo degli appassionati”. Recentemente si trova il termine “fen” come sinonimo di “fandom”.

Citazione: “Fandom refers to the social structures and cultural practices created by the most passionately engaged consumers of mass media properties”

http://henryjenkins.org/2010/01/fandom_participatory_culture_a.html

Fannish = Aggettivo, “dei fan”.
Fanon = Si definisce fanon (in contrapposizione a “canon”) ciò che è nato all’interno del fandom e si è diffuso tra i fan, anche se non è propriamente legato all’opera originale e a volte la contraddice anche. Le idee fanon passano attraverso i vari lavori dei fan (fan fiction, fan art, fan video etc.) accanto a quelle canon.
Fen = Sinonimo di fandom (vedi) invalso recentemente. Si tratta di un ipotetico plurale di fan, ricalcato sul modello del plurale di man, men.
Header = E’ un’intestazione che precede le fan fiction e fornisce informazioni relative al contenuto. Generalmente contiene il titolo, il nome o nick name dell’autore, un indirizzo email, il paring (se presente) i ratings, gli avvertimenti (che definiscono il tipo di storia) i disclaimers, le note dell’autore, i feedback dei lettori.
Newbies = Nuovi iscritti di una community, che ancora non conoscono bene le sue regole esplicite ed implicite.
Pairing = Questo termine si riferisce ai personaggi centrali di una fan fiction che esplori relazioni sentimentali o sessuali. Il pairing (accoppiamento) può essere het (tra un uomo e una donna), slash (tra due uomini), fem-slash (tra due donne).

Nella stessa accezione si trova anche shipping (“ship” da relationship).

MACRO CATEGORIE secondo EFP
Anime e Manga
Fanfic su attori
Cartoni/Fumetti europei
Telefilm
Crossover
Fanfic su artisti musicali
Libri
Videogiochi
Naruto
Film
Harry Potter
GdR
Drama
Cartoni/Fumetti americani
Originali
GENERI, secondo EFP
Avventura
Azione
Comico
Commedia
Dark
Demenziale
Drammatico
Erotico = il rating dato a questo genere non può mai in alcun caso andare sotto l’Arancione. Qualora la storia contenga la descrizione di atti sessuali, è obbligatorio il rating Rosso.
Fantasy
Fluff = è il genere di quelle storie dedicate a momenti di dolcezza o tenerezza.
Generale ? (- General : storia dove non vengono descritte relazioni romantiche o sessuali http://cinemabizarreofficialfanfiction.forumfree.it/?t=35380478)

GEN, cioè di genere = storie scritte dai fan, ma che potrebbero essere parte integrante della narrazione originaria http://www.queerblog.it/post/3793/x-files-in-chiave-omoerotica

Guerra
Horror
Introspettivo
Malinconico
Misterioso
Parodia
Poesia
Romantico
Satirico
Sience-fiction
Sentimentale
Slice of life = storie il cui scopo è descrivere semplicemente momenti o spaccati di vita quotidiana.
Song-fic = storie costruite attorno ad una canzone. Su EFP il testo della canzone non può costituire più del 30% del testo dell’intera song-fic.
Sovrannaturale
Sportivo
Storico
Suspance
Thriller
Triste

RATINGS = letteralmente “classificazioni”, indicano il grado di maturità consigliato relativamente alla fruizione di contenuti televisivi, cinematografici o, in questo caso, di fiction.

Esistono diverse categorizzazioni. Le più affermate sono le seguenti:

RATINGS di EFP
Verde = adatto ad ogni fascia di età, può contenere tematiche dolorose (morte, separazioni o sofferenze) ma solo se trattate in modo lieve.
Giallo = adatto ad una lieve presenza di tematiche sessuali o violenza, è il rating dal quale si dovrebbe partire per la trattazione di tematiche conflittuali.
Arancione = adatto a storie in cui sono trattate tematiche sessuali o violente, laddove però le descrizioni delle scene ad esse riferite non si soffermino sui particolari.
Rosso = adatto alla descrizione di scene con presenza di sesso o violenza, o altre tematiche parimenti forti. (Non sono ammesse storie bondage-sadomaso/bestialità, storie contenenti descrizione di scene sessuali di tipo incestuoso, storie lemon/hentai con protagonisti minorenni e adulti molto più grandi di loro).
RATINGS proprietario della MPAA, Motion Picture Association of America “Organizzazione americana dei produttori cinematografici”) http://www.mpaa.org/ratings/what-each-rating-means, ma adottato da molti archivi online.
G (general audiences) = può leggerla chiunque. Trama (plot) senza alcun contenuto violento o sessuale.
PG (parental guidance suggested) = qualche contenuto può non essere adatto ai bambini. Può contenere qualche volgarità, qualche immagine di violenza o nudità.
PG-13 (parents strongly cautioned) = qualche contenuto può essere inappropriato a bambini sotto i 13 anni. Può comprendere qualche contenuto violento o sessuale o un linguaggio un po’ volgare, ma meno del livello successivo (restricted).
R (restricted) = sotto i 17 anni è richiesto l’accompagnamento dei genitori o di un adulto responsabile. Può contenere tematiche forti e linguaggio scurrile.
NC-17 (no one 17 and under admitted). Vietato ai minori di 18 anni. Descrizioni di sesso o di violenza.

Talvolta, abbinati a quelli della MPAA, si trovano:

PWP (plot? what plot?) = la storia è solo una scusa per mostrare una scena di sesso.
BDSM (bondage, sadomaso) = nella storia sono presenti tematiche di sadismo e masochismo sessuale consensuali.
X = situazioni sessuali NON consensuali. (In questa accezione spesso si trova anche non-con, non consensual). ATTENZIONE nei fandom giapponesi X viene usato per rappresentare il pairing, come in occidente la slash ( / ).
RATINGS di FANWORLD http://www.fanworld.it
Per Tutti = storie adatte a tutte le età.
14+ = storie che presentano contenuti comprensibili solo dopo una certa età. Possono essere l’introduzione di tematiche sessuali o la trattazione più esplicita della morte e della violenza, ma anche un linguaggio più pesante.
16+ = storie che presentano la trattazione più approfondita dei succitati temi.
18+ = storie che abbiano descrizioni approfondite e/o minuziose di morte, sesso, violenza – sia essa psicologica o fisica -, e/o contengano argomenti complessi trattati in maniera altrettanto complessa.
RATINGS di Fan Fiction. Net http://www.fanfictions.com
K = contenuti adatti a tutti (a partire da 5 anni). Non contiene linguaggio volgare, violenza e tematiche per un pubblico adulto.
K+ = contenuti che potrebbero non essere adatti ai bambini piccoli (da 9 anni in su). Può contenere atti di lieve violenza senza serie conseguenze. Potrebbe contenere un linguaggio un po’ volgare. Non deve contenere tematiche adulte.
T (teenagers) = contenuti non adatti ai bambini (a partire da 13 anni). Può contenere violenza, linguaggio un po’ volgare e suggerire tematiche adulte.
M (mature) = contenuti non adatti a bambini o ragazzi sotto ai 16 anni. Può contenere tematiche forti, sebbene non esplicite, con violenza e linguaggio volgare.
MA (mature adults) = contenuti adatti esclusivamente ad un pubblico maturo (a partire da 18 anni). Può contenere linguaggio esplicito e temi adulti. [Fan Fiction.Net non le accetta]

NOTE/AVVERTIMENTI di EFP (altrimenti detti “tipi di Fan Fiction”)

AU = Alternate Universe (Universo Alternativo). Descrive una fanfiction che utilizza i personaggi di un’opera ponendoli in un contesto o ambiente completamente differente da quello originale. Esempio: i personaggi di Harry Potter in un mondo in cui non esiste la magia o i personaggi di Naruto nell’universo di Harry Potter.
Cross-over = Incrocio. Descrive una fanfiction che utilizza elementi o personaggi di opere diverse, mischiandoli. Esempio: i personaggi di Twilight e quelli di Harry Potter che si incontrano.
Drabble = componimento breve, con una lunghezza compresa tra le 90 e le 110 parole.
FemSlash = Descrive una storia in cui è presente una relazione omosessuale tra donne con fattezze reali (per storie ad esempio tratte da film, telefilm, libri).

Nel caso di opere dedicate a personaggi dell’immaginario orientale si parla di shojo-ai, se sono storie d’amore soft, yuri, se sono scene forti.

Flashfic = componimento breve sotto le 500 parole (sotto le 110, si definisce drabble).
Het = Descrive una storia in cui è presente una relazione eterosessuale. Che vada o meno specificato dipende dal contesto. In un archivio di storie prevalentemente eterosessuali verrà tralasciato, ma in un contesto prevalentemente slash o misto sarà opportuno specificarlo.
>>Hentai = Descrive una fan fiction, tratta da anime/manga, in cui sono presente scene di sesso etero esplicito. << (in realtà questa voce non c’è in EFP ma essendoci Yaoi e Yuri trovo che sarebbe opportuno che fosse previsto, anche perché la parola è citata nei rating)
________________________________________________________________

Incompiuta = si definisce tale una storia destinata a non trovare mai una conclusione. Non è una definizione da assegnare alle storie incomplete ma ancora in aggiornamento.

Lemon = Descrive una storia o una scena che presenta ampie e/o dettagliate descrizioni di atti sessuali.
Lime = Descrive una storia che presenta momenti erotici (in genere non descritti nel dettaglio) che non sfociano nell’atto sessuale vero e proprio.
Missing Moments = Momenti mancanti. Descrive quelle fanfiction che raccontano momenti accennati all’interno della trama originale dell’opera che però non sono mai stati raccontati.
Movieverse = relativo al film. L’avvertimento è utile qualora l’opera originale abbia avuto una trasposizione cinematografica che ha alterato gli elementi dell’opera originale (sia essa libro, telefilm, fumetto o quant’altro), quali i personaggi, l’ambientazione o alcuni elementi della trama. Aiuta a far comprendere che si sta scrivendo una fanfiction che si rifà agli elementi decisi dal film.
Non per stomaci delicati = Descrive storie che presentano elementi estremamente crudi, quali, esemplificativamente, la descrizione dettagliata di uno stupro o di una violenza.
One-shot = Storia o Fanfiction che si conclude in un singolo capitolo.
OOC = Out of Character; Fuori dal personaggio. L’avvertimento segnala che i caratteri dei personaggi originali di un’opera sono stati stravolti all’interno della fanfiction.
Otherverse = L’avvertimento è utile qualora l’opera originale esista in diverse forme (libro, film, fumetto, telefilm, cartone animato, ec…) e tra esse vi siano differenze a livello di personaggi, trama o ambientazione. Se una storia si rifà agli elementi della trasposizione cinematografica dell’opera, l’avvertimento corretto è Movieverse (vedi sopra), altrimenti ‘Otherverse’ copre le altre possibili forme di trasposizione.
Raccolta = Descrive una storia i cui capitoli non posseggono una trama unitaria, ma sono legati gli uni agli altri da un tema o da altro elemento di collegamento. Si tratta sostanzialmente di diverse storie che si potrebbe pubblicare separatamente, ma che nell’unione trovano un’unità d’intenti o di significato.
Shonen-ai = Descrive una fanfiction tratta da anime/manga in cui è presente una relazione omosessuale tra uomini, laddove si scelga di descriverla senza indugiare nell’aspetto sessuale del rapporto. La definizione può essere in generale utilizzata per tutte quelle fanfiction in cui i personaggi non abbiano fattezze reali (per fanfiction tratte da videogiochi o cartoni animati, ad esempio).
Shoujo-ai = Descrive una fanfiction tratta da anime/manga in cui è presente una relazione omosessuale tra donne, laddove si scelga di descriverla senza indugiare nell’aspetto sessuale del rapporto. La definizione può essere in generale utilizzata per tutte quelle fanfiction in cui i personaggi non abbiano fattezze reali (per fanfiction tratte da videogiochi o cartoni animati, ad esempio).
Slash = Descrive una storia in cui è presente una relazione omosessuale tra uomini con fattezze reali (per storie ad esempio tratte da film, telefilm, libri).

Slash si differenzia delle FemSlash (vedi) e dalle Het (vedi).

Nel caso di opere dedicate a personaggi dell’immaginario orientale si parla di shonen-ai, se sono storie d’amore soft, yaoi, se sono scene forti.

Su wikipedia risulta che la slash tratti “generalmente” di relazioni omosessuali maschili, non “necessariamente” e non fa cenno al fatto che debba trattare di personaggi “con fattezze reali” (cioè “non-fumetti”).

Wikipedia contempla le Real Person Slash (RPS), “storie a contenuto erotico, più spesso omoerotico” “in cui protagonisti sono persone realmente esistenti, quali attori, musicisti o sportivi”.

Altre note le ho trovate su queerblog:

http://www.queerblog.it/post/3793/x-files-in-chiave-omoerotica la slash è una narrazione omoerotica nata negli anni ‘60 in America. La prima serie slashiata fu Star Trek. Il termine slash prende il nome dal simbolo slash ( / ) che è usato per separare le iniziali dei personaggi coinvolti nel racconto: per esempio Molder e Krycek saranno sintetizzati in M/K; Skinner e Krycek = S/K, ecc.

Spoiler! = L’avvertimento indica che la fanfiction contiene anticipazioni sull’opera originale. Per ‘anticipazioni’ si intendono tutti quei fatti non noti ai fan che seguano l’opera originale secondo il principale mezzo di diffusione in Italia. Esempio: ogni fatto sul libro di Harry Potter 7 era da considerarsi spoiler fino a che non è stata messa in commercio la versione italiana del libro.
Traduzione = L’avvertimento indica che la fanfiction è stata tradotta da un’altra lingua e quindi non era originariamente scritta in italiano.
What if? = E se? Descrive una fanfiction che va a modificare un elemento fondamentale della trama dell’opera originale e parte da lì per ricostruire come sarebbero andati i fatti se vi fosse stato quell’importante cambiamento. Esempio: se i genitori di Harry Potter non fossero mai morti, come sarebbe andata la storia?
Yaoi = Descrive una fanfiction tratta da anime/manga in cui è presente una relazione omosessuale tra uomini, laddove si scelga di descriverla includendo l’aspetto sessuale del rapporto. La definizione può essere in generale utilizzata per tutte quelle fanfiction in cui i personaggi non abbiano fattezze reali (per fanfiction tratte da videogiochi o cartoni animati, ad esempio).
Yuri = Descrive una fanfiction tratta da anime/manga in cui è presente una relazione omosessuale tra donne, laddove si scelga di descriverla includendo l’aspetto sessuale del rapporto. La definizione può essere in generale utilizzata per tutte quelle fanfiction in cui i personaggi non abbiano fattezze reali (per fanfiction tratte da videogiochi o cartoni animati, ad esempio).

Altri avvertimenti non presenti nella lista di EFP:

RPF (real person  fiction)= Descrive una fan fiction a proposito di personaggi  famosi del mondo reale, generalmente attori,  cantanti o sportivi.
3some/4some/MoreSome = Fan fiction che tratta di relazioni sentimentali/sessuali tra 3/4/più di 4 persone
Angst = Contenuto molto triste e/o deprimente. Il/i protagonista/i si trova/no in una impasse psicologica che provoca angoscia.
Bondage = Storia dove uno dei personaggi viene legato, imbavagliato e/o bendato per piacere sessuale (consensuale).
Completa = la storia è completa
D (drag) = travestiti ragazzi in abiti femminili (esempio: se scrivete di Shin che si veste da ragazza dovreste metterlo). Più spesso si trova drag per intero o crossdressing.
DeathChara (Death Of a Character) o Character Death = Nella storia uno dei personaggi mure.
H/C (Hurt/Comfort) = Indica fanfiction nel quale un personaggio soffre in modo particolare e intenso, mentre tutti gli altri tentano di consolarlo.
Language = Storie con linguaggio ‘colorito’.
Light/Heavy Kink = storia con scene sessuali poco/molto fantasiose e fetish vari. In genere viene specificato il tipo di scena kink. La lista è estremamente lunga (la più completa l’ho trovata su http://eliade.livejournal.com/472331.html).
Mary Sue = Storia contenente un personaggio che costituisca una rappresentazione fortemente idealizzata dell’autore, a cui viene dato un ruolo risolutivo. Il termine deriva da un racconto parodistico in cui si ironizzava su questo genere di personaggio, “A Trekkie’s Tale” di Paula Smith.

Al maschile si usano Gary Stu o Marty Stu. (Da non confondere con SI, self insert)

Mpreg = Male Pregnancy. Un uomo che rimane gravido.
Non-con (non-consensual) = Storie con presenti violenze sessuali (stupri).
OFC/OMC = Presente personaggio femminile/maschile originale (solo nel caso abbia un ruolo importante).
OTP (One True Pairing) = E’ la coppia prediletta dell’autore. Può essere o meno una coppia canon. Quando la coppia si allarga a più individui, solitamente si aggiunge il numero dei membri che compone quel pairing dopo l’acronimo.
POV (Point Of View) = Si usa quando la fan fiction descrive una vicenda da un punto di vista particolare (ad esempio quello di un personaggio secondario nel canon.
Pre-Slash = Si usa quando la fan fiction ci racconta come andavano le cose prima che i protagonisti vivessero la loro storia d’amore.
RRS (Roundrobin Stories) = altre persone possano aggiungere capitoli alla storia, anche senza autorizzazione. Ne deriva una fan fiction scritta a più mani.
S S = Sdolcinato! romantico e stupido!
S/M = storie in cui i personaggi subiscono o infliggono dolore fisico o psicologico per piacere sessuale (sadomasochismo).
Sex-change = Storie dove uno dei personaggi cambia sesso.
SI (self insert) = Storia contenente un personaggio che rappresenti l’autore in modo realistico (se la rappresentazione è troppo idealizzata avremo una Mary Sue – vedi).
TWT (Time line? What Time line?) = Si usa quando la fanfiction non si piazza in nessun punto preciso di una storia o non ne segue la linea temporale canonica.
Under-age erotica = scene di sesso dove i personaggi hanno meno di 15 anni.
Voyeurism = storie dove uno dei personaggi prova piacere sessuale a guardare altre.
Water Sport = storia con scene di pissing.
Crossdressing = Storia contente personaggi travestiti in quelli di sesso opposto.
Music FF (music fan fiction) = È una fanfiction in cui i protagonisti sono personaggi di una band. Spesso anche l’autrice fa parte della storia ed è un’amica del gruppo.
Happy Ending = Fanfiction a lieto fine
Bad Ending/Unhappy Ending = Fanfiction non a lieto fine.
GEN, cioè di genere = storie scritte dai fan, ma che potrebbero essere parte integrante della narrazione originaria http://www.queerblog.it/post/3793/x-files-in-chiave-omoerotica

http://www.fanworld.it/page.php?id=9#Avvertimentia

http://www.efpfanfic.net/efp/guide.html

http://www.queerblog.it/post/3793/x-files-in-chiave-omoerotica

http://www.mpaa.org/ratings/what-each-rating-means

http://www.fanfiction.net/guidelines/

Ringrazio crimsontriforce per i suggerimenti e le correzioni…