You are currently browsing the tag archive for the ‘blog’ tag.

Collezione di cavolatine da copia-incollare e compilare nelle note di facebook o nelle email, o nei blog o dove vi pare…

GOOGLE TEST

Regole: vai su Google e cerca la frase (non dimenticare le virgolette all’inizio e alla fine!). Non barare, e scrivi il tuo vero nome. Usa la prima cosa che trovi abbia un senso e scrivila.

Q: Scrivi “[tuo nome] ha bisogno di” nella barra di Google:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] sembra” nella barra di Google:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] dice” nella barra di Google:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] vuole” nella barra di Google:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] fa” nella barra di Google:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] odia” nella barra di Google:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] chiede”:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] va”:
A:

Q: Scrivi “a [tuo nome] piace”:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] mangia” nella barra di Google:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] indossa” nella barra di Google:
A:

Q: Scrivi “[tuo nome] è stata arrestata per” nella barra di Google:
A:

42 COSE su

Vai sulla tua home e crea una lista delle ultime 21 persone che vengono citate perché hanno pubblicato qualcosa o sono stati taggati (oppure fai una lista di 21 nomi di persone che conosci). Non fare ripetizioni nella lista, semplicemente passa al prossimo nome. Poi rispondi alle 42 domande pertinenti ai 21 nomi. Quando hai finito tagga le 21 persone presenti nella lista così che il giro possa continuare. Se sei stato taggato, copia e incolla queste informazioni in una nuova nota e segui le istruzioni sopra.

  1. Come hai incontrato l’1?
  2. Cosa faresti se non incontrassi mai più l’1?
  3. Frequenteresti il 2?
  4. Hai mai visto il 2 piangere?
  5. Descrivi il n.3 con 3 agettivi.
  6. Pensi che il 3 e il 13 formino una bella coppia?
  7. Ti piace il 4?
  8. Quando è stata l’ultima volta che hai parlato con il 4?
  9. Pensi che il 5 sia attraente?
  10. Hai mai frequentato il 5?
  11. Dove vive il 6?
  12. Qual è la miglior cosa riguardo il 6?
  13. Cosa ti piacerebbe dire al 7 in questo momento?
  14. Qual è la cosa migliore riguardo il 7?
  15. Hai mai baciato l’8?
  16. Qual è il peggior ricordo che hai dell’8?
  17. Quando sarà la prossima volta che vedrai il 9
  18. Il 9 è carino?
  19. Qual è stata la tua prima impressione del 10?
  20. Il 10 è il tuo miglior amico?
  21. Hai visto l’11 nell’ultimo mese?
  22. Sei mai stato a casa dell’11?
  23. Quand’è stata l’ultima volta che hai visto il 12?
  24. Quando sarà la prossima volta che vedrai il 12?
  25. Sei molto legato e vicino al 13?
  26. Abbracceresti il 13?
  27. Sei mai stato a casa del 14?
  28. Conosci un segreto del 14?
  29. Descrivi la relazione tra il 15 e il 19.
  30. Quando vedrai di nuovo il 15?
  31. Com’è la tua amicizia con il 16?
  32. Hai mai ballato con il 16?
  33. Come conosci il 17?
  34. Il 17 ha una ragazza/o?
  35. Hai mai voluto tirare un pugno in faccia al 18?
  36. Il 18 ha mai incontrato tua madre?
  37. Hai mai viaggiato con il 19?
  38. Se dessi al 19 100€, per cosa li spenderebbe?
  39. Qual è il miglior ricordo del 20?
  40. Qual è la cosa che vorresti far sapere di più al 20?
  41. Qual è l’ultima cosa che hai fatto con il 21?
  42. Quando hai incontrato il 21 la prima volta?
Annunci

Leggendo i commenti ad un post del blog del prof (ancora sui social networks) mi viene in mente di riflettere sui blog e sul perché “nessuno li legge”.

Oramai queste riflessioni mi sembrano ovvie, ma tra quei commenti notavo ancora la delusione di qualcuno per il fatto che la maggior parte dei blog sono destinati a rimanere a ‘commenti 0″.

Lessi una volta che internet dà a tutti l’occasione di esprimersi, ma non garantisce affatto quella di essere ascoltati.

Troppo ovvio. Basta avere 6 o 7 amici che tengono blog per cominciare a sentire una certa fatica nel tenerli sempre d’occhio e commentarli.

Io ho una bella lista di blog a cui dò un’occhiata veloce. Da quando c’è il corso di comunicazione on-line la lista si è drammaticamente allungata. L’occhiata è diventata ancora più veloce.

Non è cattiva volontà, ma istinto di sopravvivenza 😉 Non possiamo passare la giornata a leggere blog.

Quindi: selezione!

Per parlare… i miei criteri di scelta:

– i post sono scritti in modo particolarmente divertente e  sono ragionevolmente brevi, magari corredati di immagini.
– se commento il blogger mi risponde (in modo simpatico).

=> può darsi che legga tale blog continuativamente per molto molto tempo e che lo commenti pure, come è successo col blog della Marmotta, a cui faccio pubblicità sempre volentieri ^__^

– gli argomenti trattati mi interessano => lo leggerò di tanto in tanto.
– si tratta di un blog autobiografico di una persona che conosco => se scritto in modo agile e cita eventi a cui ho pertecipato probabilmente leggerò e commenterò spesso assai.

Per la mia esperienza di blogger (che ha compiuto il suo terzo anno, per quanto a balzelli) direi che i miei criteri non devono essere molto dissimili da quelli degli altri.

Coinvolgere i conoscenti della vita reale è la via più facile per avere lettori. Il prezzo? Io ho causato un bel po’ di incidenti diplomatici… tanto da dire BASTA d’ora in poi solo post disinfettati: parlo di libri, fumetti, “cose”, “fatti”, ma non persone. Ma non era più divertente e pochissimi mi leggevano. E la soluzione non l’ho ancora trovata. Forse non ho la vocazione per tenere un blog. E ce ne sono già taaaaaaantiiiiiiii…