Difficile capire le fan fiction dall’esterno. L’articolo “Harry Potter diventa gay, Mr Darcy un gran cornuto” è un’epica dimostrazione di questo.
Leggo saggi e bazzico gli archivi di ff. da qualche mese e il fenomeno mi è familiare, simpatico, perfettamente comprensibile pur con le sue stranezze.
Personaggi maschili che vivono storie d’amore e anche di sesso, ma che ATTENZIONE, non sono gay (a tutto questo c’è un motivo un po’ lungo da spiegare), personaggi trasportati in situazioni che non c’entrano nulla con la storia originale (canon), personaggi che cambiano carattere, finali riscritti… ebbene? Quale mai scandalo? La fiction è proprio questo: una riappropriazione dei contenuti dei media. La fan fiction è scrittura amatoriale e nella stragrande maggioranza dei casi gli autori si presentano proprio come fan che vogliono riflettere sulle storie che amano e condividere le riflessioni con altri fan, non con critici letterari o il grande pubblico. Alcuni fan scrivono molto bene, altri scrivono molto male. Ebbene? Quelle persone che scrivono male (spesso molto molto giovani) almeno scrivono e scrivendo si impara (anche perché spesso gli altri utenti fan correggono).
Harry Potter gay, che sacrilegio!… Non è che gli scrittori di fan fiction pretendano di sostituire la versione originale (sono fan, la adorano!). Giocano con quel materiale culturale. Poi lo rimettono a posto.

L’articolo è stato lungamente commentato… ed era ovvio che sollevasse polemiche, dato il tono particolarmente sprezzante. Ma gli spunti offerti sono molti e dunque lo trovo interessante.

Annunci