You are currently browsing the monthly archive for febbraio 2009.

WordPress mi permette di vedere quali ricerche portano i lettori al mio blog.
Rimango stupita da quanti arrivino cercando qualcosa a riguardo di Facebook… Come bloccare qualcuno, come cancellare le foto, come levare i tag… Soprattutto le foto mandano il mondo nel pallone pare.
Giù per sù il mio post Facebook, come limitare i danni è l’unico che viene letto. Almeno da 4 persone al giorno.
eam… “letto” forse è una parola grossa. “aperto”.
Però nessun commento. Nulla.
Mi chiedo se serva. Io però contino ad aggiornarlo via via che scopro qualcosa di interessante.
Un feedback ogni tanto non mi dispiacerebbe. ;__;

Annunci

GOANIMATE

goanimate

Permette di creare animazioni molto complesse e accattivanti utilizzando sfondi, suoni personaggi e azioni combinabili.
E’ anche possibile caricare immagini dal proprio computer.
L’animazione può essere condivisa facilmente tramite un bel numero di social network (tra cui il nostro amico facebook) e tramite link. Occorre la registrazione, ma è gratuita.

Questo è un esempio di che viene in 5 minuti…

ANIBOOM
Permette di creare animazioni anche piuttosto elaborate partendo da poche forme geometriche. Ci vuole un po’ di fantasia e di applicazione perché non è così intuitivo. Il video creato può essere esportato come gif., visto on line o spedito ad un cellulare.

ANIMASHER
Permette di creare animazioni complesse facendo interagire immagini e personaggi caricati dal proprio computer o scelti nella libreria. E’ abbastanza semplice da usare anche se non semplicissimo. Le animazioni create possono essere condivise su varie applicazioni (tra cui facebook) o tramite link.

Aggiornamento al volo: IL WHELLCOME PARTY di Carnevale del 2010 si terrà a La Botte (San Casciano) il 19 febbraio.

____________________________________________________________

Si è tenuto ieri sera, a Pozzolatico, il secondo wHELLcome party ufficiale.
Ambiente curato, ottima sangria, moltissima gente.
Travestimenti più particolari?
La piratessa nella cassa del tesoro, gli abre magic, le pecorelle coi batuffoli di cotone, la coppia “merda e mosca”, gli omini di msn messenger (blu e verde, coi simboli di impegnato e momentaneamente assente)…

immagine-8

Non il noto negozio d’abbigliamento, ovviamente.
Ma a lezione di psicologia dei processi cognitivi il prof ci ha parlato molto di un certo “caso HM”, storia tristissima di un ragazzino americano passato dalla padella (frequenti crisi epilettiche) nella brace di un’operazione sperimentale che, privandolo di due pezzettini di cervello, lo ha anche privato della possibilità di immagazzinare ricordi.
Il prof. non sapeva se HM era o no ancora vivo, ma Internet rivela che anche lui ha trovato la pace, anche se pochi mesi fa.

5/12/2008
E’ morto in una casa di riposo del Connecticut Henry Gustav Molaison (HM), 82 anni, che è stato per 55 anni il paziente più famoso delle scienze del cervello.

Visto che tutti dicono la loro, dirò anche io la mia.
A prescindere dalla problematica politica (che non voglio sminuire, ma non mi senti di affrontare) mi stupisco che il paese sia diviso. Io non ho dubbi.

Non riesco a pensarla diversamente: Eluana si è liberata (se già non era libera da molto molto tempo, cosa che le auguro).
Martire? Perché è morta? Poveretta. Sicuramente non se la stava spassando. Però non credo proprio che se ne stesse in coma per affermare una qualche causa e, guarda un po’ i maledetti, mentre lei portava avanti la sua silenziosa protesta per affermare (indubbiamente ;°__°) il diritto alla vita, zac, l’hanno accoppata.

L’hanno UCCISA. Ué.
Doveva essere viva per poterla uccidere.
Ma come era viva?
Viva come una pianta o viva come una persona?
Cioè: cosciente o no?

Se ho capito bene questa cosa al 200% non si può dimostrare.
Ma, tanto più.

Se era viva come una pianta tanto vale che sia morta.
Se invece sotto sotto era ancora incosciente… ARG! ARG! ARG!

Neanche ci posso pensare! 17 anni senza poter neanche controllare il battito delle palpebre?
MA SIAMO MATTI???

Avrei una certa difficoltà ad augurarlo al mio peggior nemico.

Non è che uno debba legalizzare l’eutanasia facile. Ma una “quarantana” di 17 anni mi sembra sufficiente.

Questo. Il caso Welby. Casi diversi, ma che mi sembrano talmente chiari!

Una condanna alla vita può essere molto più crudele di una condanna a morte.
Ad eccezione di alcuni paesi particolarmente barbari, la pena di morte viene applicata il più rapidamente possibile: secondi, minuti… ore?
Qui si parla di decenni. Decenni.