You are currently browsing the monthly archive for dicembre 2008.

Non avete Photoshop?
Non avete neanche idea di cosa sia Illustrator?

Se Paint non vi basta, ecco alcuni siti che potrebbero esservi molto utili!

Ve ne suggerisco tre di un certo livello e 2 più giocosi.

Quello che mi sembra più semplice e accattivante è Picnik, simpaticissimo fino dal caricamento della pagina.

Picnic

Molto simile è FotoFlexer. La tipologia di interventi è simile, ma potete esplorarli entrambi per vedere quali sono più di vostro gusto!

FotoFlexer

Più raffinato e complesso è la versione on line del famoso Photoshop, Photoshop.com. Questo, più che ai principianti assoluti può far comodo a chi già utilizza programmi di grafica, ma che si trova a non averli sotto mano.

Photoshop.com

Tutti e tre questi siti permettono di uploadare le foto sia dal proprio computer che da altri account personali (su Flicker, su Facebook…).
I primi due consentono l’upload e l’elaborazione anche senza registrazione. Photoshop.com invece non consente l’upload nella versione “demo”. Per salvare le immagini (sul computer o sugli stessi account da cui si può dare l’upload) bisogna registrarsi in tutti e 3 i casi. Si tratta, comunque, di una registrazione sempre gratuita.

Avverto che con una connessione lenta potreste avere qualche problema…

Se volete ottenere effetti d’impatto con una fatica minima potete invece giocare con Photofunia.
Scegliete una foto (tra le vostre o dalla galleria del sito) e una certa situazione in cui volete che sia inserita.
Fa tutto da solo!

Photofunia

photofunia_1251424

La fatica è sempre minima con Yearbook Yourself. Qui è permesso di vedere come saremmo stati se fossimo nati nel passato. Davvero spassoso. Basta avere l’accortezza di procurarsi una foto in primo piano, col volto ben dritto verso l’obiettivo e completamente scoperto (niente occhiali o ciuffi di capelli). Purtroppo il servizio è momentaneamente sospeso, ma lo riprenderanno nel 2009… manca poco!

Yearbook Youself

Buon divertimento!

(qualcuno sa se c’è un nome specifico per questi siti-applicazione? Software on-line free)…

Delicius...

In verità ho l’account da alcuni mesi.
Sono sicura che sia interessante.

Io non ricordo mai i link a memoria e non sempre è facile trovarli con Google. Se non fosse che ho praticamente sempre dietro il mio portatile e che non mi capita quasi mai di usare altri computer, Delicius sarebbe fondamentale.

Non è così, ma, prendendo in considerazione che le cose potrebbero cambiare da un momento all’altro… cogliamo questo assignament del prof per portare un pochino avanti il processo di deliciussizzazione dei miei preferiti.

Fase 1: qual era il mio account???
Sì, perché non solo non ricordo i link, ma neanche i miei nomi utente e password!

Fase 2: prima scrematura dei link.
Credo che la finirò nel 2020. Ho nei preferiti qualcosa tipo 4 cartelle veramente significative e poi innumerevoli categorie marginali, occasionali… legate ad un progetto o un lavoro specifico. Delicius ha assorbito tutto.

Fase 3: i tag sono importantissimi. La cattura automatica li ha sporcati… Ho decine di tag che hanno senso solo per me… aiuto!
Piano piano li correggo.

Tra i miei link troverete soprattutto siti relativi al disegno e la grafica (tutorial, applicazioni, concorsi, risorse, gallery) e qualcosa sulla mia passione per i sogni. Poi, varie ed eventuali.
Robadisco che c’è ancora un certo caos, ma, se siete curiosi, l’account è http://delicious.com/HollyHobbie

Leggendo i commenti ad un post del blog del prof (ancora sui social networks) mi viene in mente di riflettere sui blog e sul perché “nessuno li legge”.

Oramai queste riflessioni mi sembrano ovvie, ma tra quei commenti notavo ancora la delusione di qualcuno per il fatto che la maggior parte dei blog sono destinati a rimanere a ‘commenti 0″.

Lessi una volta che internet dà a tutti l’occasione di esprimersi, ma non garantisce affatto quella di essere ascoltati.

Troppo ovvio. Basta avere 6 o 7 amici che tengono blog per cominciare a sentire una certa fatica nel tenerli sempre d’occhio e commentarli.

Io ho una bella lista di blog a cui dò un’occhiata veloce. Da quando c’è il corso di comunicazione on-line la lista si è drammaticamente allungata. L’occhiata è diventata ancora più veloce.

Non è cattiva volontà, ma istinto di sopravvivenza 😉 Non possiamo passare la giornata a leggere blog.

Quindi: selezione!

Per parlare… i miei criteri di scelta:

– i post sono scritti in modo particolarmente divertente e  sono ragionevolmente brevi, magari corredati di immagini.
– se commento il blogger mi risponde (in modo simpatico).

=> può darsi che legga tale blog continuativamente per molto molto tempo e che lo commenti pure, come è successo col blog della Marmotta, a cui faccio pubblicità sempre volentieri ^__^

– gli argomenti trattati mi interessano => lo leggerò di tanto in tanto.
– si tratta di un blog autobiografico di una persona che conosco => se scritto in modo agile e cita eventi a cui ho pertecipato probabilmente leggerò e commenterò spesso assai.

Per la mia esperienza di blogger (che ha compiuto il suo terzo anno, per quanto a balzelli) direi che i miei criteri non devono essere molto dissimili da quelli degli altri.

Coinvolgere i conoscenti della vita reale è la via più facile per avere lettori. Il prezzo? Io ho causato un bel po’ di incidenti diplomatici… tanto da dire BASTA d’ora in poi solo post disinfettati: parlo di libri, fumetti, “cose”, “fatti”, ma non persone. Ma non era più divertente e pochissimi mi leggevano. E la soluzione non l’ho ancora trovata. Forse non ho la vocazione per tenere un blog. E ce ne sono già taaaaaaantiiiiiiii…

Pubblicità 😉

http://portailconto.blogspot.com/

è un blog creato da una persona che conosco. Si propone di creare una guida ai ristoranti di firenze per prezzo.
Se mi portate gli scontrini di quando andate a mangiare in un qualsiasi locale di firenze glieli faccio avere!

http://www.csl.unifi.it/interactivesurface/

è un blog gestito dal csl sulle superfici interattive. Visitatelo! E’ carino e poi la grafica è stata riadattata da me! 😉
Olivia

Per il corso di comunicazione online abbiamo tutti dovuto dichiarare i nostri social network di appartenenza.

Visto che intendo specializzarmi in comunicazione e quella online è la mia preferita (a livello di studi, a livello personale preferisco il face to face) qualche tempo fa mi sono dedicata alla sperimentazione di tutti i social network che riuscivo a trovare.
Ce ne sono così tanti che di molti non riesco più a ricordare la funzione (e, spesso, neanche il nome)…
Nella scheda ho segnalato solo quelli che ho frequentato un po’ di più.

Però ho avuto alcuni dubbi su quali fossero realmente SN e quali no.

Facebook è un social network.
Myspace è un social network.

Fin qui nessun dubbio. Credo che questi due rappresentino il social network alla sua massima potenza.

Flicker e Youtube già mi hanno fatto pensare, ma mi sono subito rassicurata trovandoli iscritti in tutte le liste di solcial network del web.
Social Network concentrati su un oggetto specifico (foto il primo, video il secondo, anche se attualmente Flicker ha cominciato a conservare anche video).

Per estenzione anche DeviantArt e Deezer devono essere SN.
D.A. crea reti sulla base della condivisione di contenuti artistici (foto, disegni, piccoli software). Deezer su quella di playlist musicali.

Ai blog in un primo momento non avevo pensato. I blog sono blog… non avevo pensato a definirli altrimenti. In effetti mi torna che vadano nei SN.

Quello che mi sta facendo scervellare è il fatto che il 90% dei miei compagni di corso abbia inserito tra i SN Messenger (immagino MSN Messenger).
Il mio primo istinto è stato “MESSENGER NON E’ UN SOCIAL NETWORK”. Diamine! Non ho mai letto che Messenger sia un SN!

Eppure i “messenger” continuavano a fioccare in quella lista… e sono entrata anche io nel dubbio.

Sono andata a rileggere la pagina del prof sul social networking e ci ho trovato Facebook, Myspace e Flicker e i blog e altro, ma nessun accenno a MSN.

Messenger NON è un social Network.

Perché?

In effetti… mette la gente in comunicazione. PERO’ questo lo facevano anche il telefono e le email. Nessuno ha pensato di inserire telefono ed email nella lista. Perché no, il telefono? Perché consente una comunicazione uno ad uno (se si eccettuano alcuni esperimenti, credo falliti, di chiamate collettive)? Ma le email hanno gli invii multipli e le mailing list. Tengono in contatto anche grandi gruppi. Non sono social network? No.

Insomma, credo che la grande differenza stia nel fatto di palesare o meno la rete.
Nei social network è sempre possibile vedere gli amici degli altri (in un certo senso, bloccare questa possibilità, ove sia previsto, snatura il mezzo) ed anche provare a contattarli.

Messenger non prevede la condivisione degli amici più di quanto la prevedesse il buon vecchio telefono.

Ma la rete è anche più ampia, in quanto, potenzialmente, tutti possono chiedere il contatto a tutti e vale per i blog, vale per Flicker, per Deezer, per DeviantArt etc. Per chiedere un contatto messenger devo conoscere la persona e farmi dare l’indirizzo.

Messenger, in fin dei conti, è solo una forma più evoluta e indipendente della piccola chat al piede della pagina di Faceook. Il social network di cui fa parte sono gli Windows Live Space (benché il collegamento sia molto meno forte e noto che nel caso di Fb).

Quindi, secondo me, Messenger non va iscritto nella lista dei Social Network.

[tutto ciò non l’ho scritto per essere pedante coi miei poveri compagni di corso, ma perché voglio evitare di scrivere un post su PubMed che proprio non mi attira per nulla. Vale lo stesso, vero?]

Ho appena risolto il problema.
Visto che sul web è pieno di forum dove la gente si chiede come verificare i livelli d’inchiostro nella propria Epson e non ho trovato neanche una risposta chiara, darò la mia, sperando d’essere d’aiuto.

Premetto che ho un MAC, e mi riferisco a quello.

In gergo tecnico pare che i “livelli di inchiostro” siano i “livelli forniture”. Peccato che se cliccate sulla vostra stampante e poi sulla voce “livelli forniture” che sta in alto a destra della finestra che vi si apre… vi venga risposto “livelli forniture non disponibili”.
Non so se sia sempre così o perché io ho disattivato l’alert che lamentava ad ogni singola stampa l’uso di inchiostri non originali (http://www.borda.it/schede/istruzioni/eps_statusmonitor.htm).

Cmq. basta che scegliate l’icona accanto ai “livelli di inchiostro”, le “utility” e lì vedrete scritto, invece che raffigurato, lo stato dell’inchiostro. “Continuando” avrete anche la figurina…

status monitor

status monitor

livelli forniture

Nuova versione (non c’è proprio tutto ma è aggiornata e più ordinata).

N.B. questo post è molto lungo, ma presenta capitoletti più o meno autonomi. Dopo l’introduzione potete saltare all’argomento che più vi interessa.

A marzo 2009, Facebook ha cambiato in parte interfaccia (aspetto e organizzazione), ma mi sembra che grossomodo le istruzioni tornino sempre. Se trovate delle incongruenze, segnalatemele che aggiorno l’articolo!

> io indico un modo di fare certe cose, ma ci sono altri percorsi… forse più brevi…

Adesso Facebook ce l’hanno tutti. Evitare di iscriversi è “asociale”.
E, tutto sommato, Facebook mi piace.
PERO’ da quando sono iscritta ci sono state non poche occasioni in cui mi son chiesta chi me l’ha fatto fare???
Parto da un assunto personale, che, in Facebook il divertimento sia direttamente proporzionale agli inconvenienti.
E gli inconvenienti appartengono principalmente a due categorie:

– problemi relativi alla “fuga di notizie” (il famoso problema della privacy).

– problemi relativi all’ingresso incontrollato di notizie (invasione di notizie).

Posto che una persona particolarmente gelosa della propria privacy NON DEVE ASSOLUTAMENTE ISCRIVERSI*, bisogna dire che ci sono delle impostazioni che permettono di “limitare i danni”.

[*se siete paranoici oltre a non iscrivervi dovete controllare periodicamente che nessuno si sia iscritto a vostro nome. Ho visto account con foto e dati personali precisissimi creati all’insaputa del soggetto in questione!]

Visto che avere un proprio account su Facebook è facilissimo, ma saper usare il proprio account è un casino… In attesa che mettano un po’ d’ordine vi scrivo qualche “trucchetto”. A qualcuno più scafato sembreranno banalità, ma per me sono state piccole conquiste 😉

^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^

PRIVACY

– Informazioni di profilo:
Nella banca blu in alto notate, accanto al vostro nome utente, la scritta “impostazioni” cliccatela senza preoccuparvi del sottomenu. Vedrete una finestra con con una voce Privacy ed una simpatica scrittina blu “gestisci”. Cliccate sul “gestisci” corrispondente a Privacy. Partiamo dal Profilo. Da qui potete scegliere cosa far vedere a chi. Le scelte principali sono “le mie reti e i miei amici”, “amici di amici” e “solo amici”. Riflettete sul fatto che se accettate che l’informazione venga vista dagli amici di amici consentirete a tantissima gente di vederle (pensate all’effetto esponenziale: ho dieci amici e ognuno di loro ha 10 amici… e sicuramente i numeri saliranno rapidamente). La cosa ganza, ma meno evidente, è la voce “personalizza” dove potete segnalare un singolo contatto o un gruppo di contatti impedendo loro di vedere certe informazioni. Non c’è il dettaglio che vorrei, ma è già molto.

impostazioni in Fb

– Album e foto

I tag nelle foto:
Notate che in Impostazioni> privacy > profilo c’è la voce “foto in cui sono taggato”. I tag sulle foto possono essere simpaticissimi o antipaticissimi. Se un tuo contatto ti tagga in una foto (cioè dice che sei in quella foto) questa apparirà automaticamente anche sul tuo profilo e i tuoi amici, anche se non sono amici di quella persona, potranno vederla. Nulla vieta agli amici buontemponi di taggare foto imbarazzanti. Magari, però, voi avete tra i contatti vostro padre o il vostro capo. In questo caso, oltre a minacciare i vostri amici di gambizzarli, potete decidere di impedire a padre e capo di visualizzare le foto in cui siete taggati (idem per i video).
Alternativa meno drastica è monitorare costantemente il proprio profilo e se appare una foto indesiderata aprirla e togliere il singolo tag (appaiono sotto alla foto ed il vostro avrà una piccola x accanto. Quella x permette di cancellarlo).
Verrà rimosso solo il tag. La foto rimarrà comunque nel profilo del vostro contatto e tutti i suoi contatti (e quelli che avete in comune) potranno vederla. Se volete che sia rimossa dovete chiedere a chi ha messo la foto di toglierla.

Le foto che mettete voi:
Valutate accuratamente quali foto mettere online. Facebook poi vi darà la possibilità di inserire le foto in album e di decidere a chi mostrare un album e a chi no. Stranamente questa impostazione non si raggiunge dalle impostazioni ma da applicazioni>foto. Entrate nella home. Nella colonna a destra ci sono le applicazioni. Tra le applicazioni ci sono le foto. Entrate nella pagina delle foto e notate il piccolo menu in alto FOTO, le mie foto, foto con me (che sono quelle coi tag!), aiuto. Entrate in “le mie foto”. Anche qui, notate il piccolo menu col numero dei vostri album, i commenti alle mie foto, Privacy album. Entrate nella pagina Privacy album. Le scelte sono “le mie reti e i miei amici”, “amici di amici”  “solo amici” e “personalizza”. “personalizza” permette di autorizzare a vedere un certo album solo determinate persone.

– “Cazzeggiare” di soppiatto (o almeno provarci):
Facebook offre una gran quantità di applicazioni fatte apposta per perdere tempo. Poi però ha una gran voglia di dire a tutti che invece di lavorare-studiare-farelepulizie stavate giocando a tetris. Ebbene, entrate in applicazioni (dalla colonna a destra della home o dall’icona in basso a sinistra) e selezionate Modifica.immagine-3

La pagina che vi si apre vi permetterà di modificare le impostazioni di ogni singola applicazione (oltre che di cancellarle). Potete facilmente impedire all’applicazione di pubblicare notizie nella coronologia.

– Non farsi trovare su Facebook:
E’ possibile bloccare un utente registrato a facebook. Basta andare nel menu “impostazioni” che trovate nella barra blu in alto, e scegliere poi “impostazioni sulla privacy”. In fondo compare un riquadro con la scritta “blocca persone”, basta digitare lì il nome dell’utente che si desidera bloccare. Fb proporrà la lista degli utenti registrati con quel nome e così si potrà scegliere quello che si desidera realmente bloccare.
Come avverte lo stesso Facebook in quella sede:
La persona che hai bloccato non potrà più trovarti su Facebook, vedere il tuo profilo o interagire con te tramite altri canali di Facebook (ad esempio la bacheca o i poke). Eventuali elementi condivisi con la persona bloccata (ad esempio gli amici o la situazione sentimentale) non saranno più disponibili. Bloccando una persona non si bloccano anche eventuali comunicazioni e interazioni tramite applicazioni di terzi e tale azione non viene estesa ad altre aree di Internet.

Rimane impossibile bloccare una persona prima della sua iscrizione a facebook perché non ci sarebbe modo di risolvere i casi di omonimia. Forse prima o poi sarà possibile bloccare gli utenti che tramite il loro indirizzo email, ma non ora e poi non sarebbe un sistema sicuro al 100%… oggi non è affatto detto che una persona abbia un unico indirizzo email e non è possibile sapere con quale deciderà di iscriversi.

NOTA BENE: anche se si è bloccato un certo contatto su facebook questi potrà ancora vedere che su Facebook ci siete consultando un elenco di ricerca pubblico (es. Google) a meno che non abbiate scelto di non essere indicizzati.

Nascondere il proprio profilo Fb ai motori di ricerca pubblici:
Andate in Impostazioni > privacy > ricerca e deselezionate l’ultima casellina in basso.
(solo che non ha effetto subito. Io mi sono deselezionata da un paio di mesi e vengo ancora indicizzata come “iscritta a Facebook)…

INVASIONE DI NOTIZIE

– Casella email inondata di notifiche. Come evitarlo?
Il mio consiglio è quello di registrarsi con un account secondario, dedicato alle iscrizioni che rischiano di causare spam (non ce l’avete??? cosa aspettate a farlo???).

Tuttavia, se ci tenete che tutti conoscano il vostro indirizzo email, fornitelo pure. Se non bazzicate le impostazioni, però, sarete avvisati di ogni minima cosa che venga fatta su Fb dai vostri contatti. “Tizio ha fatto il test per scoprire che Puffo è” “Caio ha superato il proprio record a Word Challange” etc. Poveri voi.

Andate alle ipostazioni dal menu in alto a destra (fascia blu). Cliccate su “impostazioni” senza preoccuparvi dei sotto menu.

Impostazioni>notifiche. Da questa schermata dite NO a tutte le domande. Salvate le modifiche. Non temete, gli avvisi continueranno ad arrivarvi sulla pagina di Facebook. Non perderete informazioni!

Nonostante questo, continuerà ad arrivarvi un certo numero di email, ma più sopportabile.

– Basta notifiche inutili! Anche sul profilo!!!
Parlo di quelle notifiche che vengono segnalate in basso a destra, in un box a espansione segnalato dall’icona a forma di cartello. Se avete molte applicazioni è probabile che vi arrivino molte e molte notifiche. Per esempio la Pet Society informa gentilmente di ogni visita che il proprio pet riceve. Ecco.
Se pensate di poterne fare a meno… Scegliete dalla barra blu in alto “POSTA” e poi “NOTIFICHE” e, nella colonna a destra, depennate le applicazioni di cui non volete visualizzare le notifiche. Non temete che si cancellino. Per cancellarle dovete seguire tutta un’altra procedura che passa dalla privacy…

– Di lui/lei non voglio sapere nulla!
Capita, per motivi di quieto vivere, di “dover” accettare amicizie inopportune. Può essere fastidioso o anche doloroso essere continuamente informati su cosa fanno Tizia e Caio. Non è possibile evitare al 100% di avere notizie di un contatto. La limitazione è sempre vincolara alla presenza di notizie alternative da mostrare. Perciò se tra 2 amici ne odiate uno, siete spacciati. Ma se odiate uno dei vostri 110 contatti bastano pochi passaggi e sarete a posto.
***Dalla home assicuratevi di essere nell’etichetta “notizie”, scorrete fino in fondo alla pagina. Dopo l’ultima notizia vedrete  “opzioni notizie”. Entrateci e potrete decidere di avere più spesso notize di certe persone e meno di altre. Inoltre potrete anche dichiarare che vi interessano più le foto che le note… insomma, una selezione sul tipo di contenuto.

*** questo è un po’ cambiato nel “nuovo facebook” a marzo 2009. Sempre dalla home, accanto a ciascuna notizia adesso, se ci passate sopra il puntatore, compare un quadretto con una x. Un clik e le notizie di quell’amico smetteranno di comparire. E se ci si sbaglia? Scorrere la colonna delle notizie fino in fondo e scegliete “visualizza amici nascosti”. Da lì potete riabilitare gli amici finiti in lista nera.

Vi avverto che se il vostro “nemico” è amico di molti altri vostri amici non avete modo di evitare di vedere le interazioni tra loro. Rassegnatevi.

EXTRA
bufale su facebook

Ebbene sì. Come se non bastassero i gruppi ca**ata, in Facebook come per email girano notizie fasulle e mezze truffe. In genere sono gruppi che offrono qulche servizio in cambio della segnalazione del gruppo stesso a tot amici. Spesso questi gruppi disattivano la bacheca. Alcuni esempi sono:
EKKO COME VEDERE LE FOTO DI TUTTI GLI UTENTI (ANKE NN AMICI)!VERO LINK!!”
Facebook chat: PER SPIARE LE CONVERSAZIONI PRIVATE DEI TUOI CONTATTI!!!
DAI UN SOTTOFONDO MUSICALE AL TUO FACEBOOK!! LEGGI QUI!!
FAI UNA BUONA AZIONE CON FACEBOOK, GRATIS! ATTENZIONE !!
NUOVO VIRUS (VIRALE) SU FACEBOOK!! ECCO COME DIFENDERCI !!
FacebookTWO: Finalmente la nuova versione GRATIS!!!
Scopri chi salva le tue foto da facebook
VEDI A QUALE CELEBRITA’ SOMIGLI! GRATIS
Scopri Ki e Per quanto Tempo Guarda Le TUE FOTO su Facebook! LEGGI COME!
Guadagna con Facebook SCOPRI CHI SALVA LE TUE FOTO DA FACEBOOK!!
Hai antenati illustri o di nobile casato?
Scoprilo gratis L’ ALBERO GENEALOGICO
TROVA IL TUO SOSIA SU FACEBOOK!
GRATIS VEDI A QUALE CELEBRITA’ SOMIGLI! GRATIS (effettivamente c’è un programma per fare questa cosa ed è gratis -salvo registrarsi-ma coi gruppi di facebook non c’entra http://www.myheritage.it/)
FACEBOOK VIP ECCO COME METTERE COLORE E STILE AL TUO FACEBOOK, ECCO IL LINK!
SCOPRI I LEGAMI DI PARENTELA SU FACEBOOK INTERNATIONAL
VISUALIZZA IL PROFILO DI CHIUNQUE SU FACEBOOK (ANCHE NON-AMICI)

Per una lista aggiornata visitate il gruppo Bufala Bill. Cercate di non diffondere gruppi bufala. E’ quantomeno fastidioso.

Idem per le catene di Sant’Antonio/bufala. Il sito che svela quali sono le cause reali e quali fittizie e truffaldine è il Disinformatico.

Prima di inoltrare, verificate la bontà di quanto state diffondendo 😉
^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^^._.^a

Chattare con Facebook? Anche offline? segnalo un articolo interessante.